Snack e merendine senza grassi idrogenati, finalmente realtà!

Prodotti biologiciGrassi idrogenati via dalle merendine, biscotti, gelati, pasti confezionati e snack! Perché la maggior parte dei produttori ricorrono all’utilizzo di questi grassi? I “vantaggi”( solo per i produttori) sono la solidità, la lunga scadenza e costi miseri. Il grasso idrogenato per eccellenza è la margarina, un prodotto che non esiste in natura, seppure sia “vegetale”. Tra i grassi vegetali utilizzati più di frequente nella produzione della margarina vi è l’olio di palma, la cui produzione è  scarsamente rispettosa dell’ambiente, in quanto complice di deforestazione.Prodotti-biologici-margarina-grassi-idrogenati
Ma veniamo all’idrogenazione.  L’idrogenazione è un processo in cui vengono aggiunti atomi di idrogeno alle molecole dei grassi per renderle più saturate, elevando il punto di fusione del grasso, in modo che rimanga solido a temperatura ambiente. Il risultato è un prodotto che non deperisce o diventa rancido così velocemente come gli oli normali e pertanto ha una durata maggiore. Potete lasciare un mattoncino di margarina sul tavolo per anni e non sarà intaccato da larve, insetti o roditori.

Ma finalmente “senza grassi idrogenati” diventerà presto la norma sui prodotti alimentari venduti negli Stati Uniti d’America.  L’ente che ha il potere di dettare le regole in questo settore, la Food and Drug Administration (Fda), ha infatti stabilito che entro il mese di giugno del 2018 le industrie alimentari dovranno eliminare dai loro prodotti i grassi parzialmente idrogenati, a meno che non ricevano una speciale autorizzazione al loro impiego da parte della stessa Fda. I motivi alla base della presa di posizione della Fda sono il legame tra un’alimentazione ricca di grassi trans e un maggior peso corporeo, più malattie cardiovascolari e una maggiore perdita di memoria.  Uno studio americano ha calcolato che grazie a questa decisione attesa da molto tempo, ogni anno solo negli Stati Uniti si potranno salvare settemila vite e prevenire ventimila attacchi di cuore. Un risultato positivo, nel Paese in cui (ricerca del 2006) gli infarti dovuti a una alimentazione ricca di grassi trans sarebbero ogni anno fino a 228mila.

Il nostro consiglio è quello di evitare prodotti con additivi , conservanti e sopratutto grassi trans.Queste sostanze oltre a rappresentare un serio pericolo per la salute, non vengono metabolizzati come alimenti, ma come “sostanze chimiche” e quindi possono ostacolare il normale lavoro metabolico delle cellule epatiche (del fegato). Promuovete un’alimentazione sana con prodotti biologici rispettosi dell’ambiente e della popolazione.  Il biologico pone attenzione anche ai sistemi di allevamento, in particolare la massima attenzione al benessere degli animali che si nutrono di erba e foraggio biologico e non assumono antibiotici, ormoni o altre sostanze che stimolino artificialmente la crescita e la produzione di latte ma consente agli animali allevati di esprimere il loro comportamento naturale e fisiologico. Prodotti Biologici fanno bene sopratutto ai bambini. Nella fase di crescita, i bambini sono più sensibili alle tossine rispetto agli adulti. Un’alimentazione basata su prodotti biologici, privi di pesticidi, favorisce lo sviluppo del corpo e del cervello del bambino, perché si espone a minori quantità di pesticidi ed erbicidi rispetto a chi mangia vegetali coltivati con i metodi convenzionali.

Sul nostro sito di prodotti biologici troverete tanti prodotti biologici senza grassi idrogenati, senza olio di palma, senza conservanti e addittivi