Sale dell’Himalaya, il prezioso oro bianco

Storia e origini del sale dell’Himalaya

Si tratta di un salgemma ( halite) estratto dalla miniera di Khewra, all’interno della regione pakistana del Punjab. Ha origini antichissime, si è formato a causa dei movimenti tettonici che hanno intrappolato tra le catene montuose dell’Himalaya una porzione di mare. Il tipo di processo di formazione l’ha trasformato in un sale cristallino pregiato (diamanti di sale) assorbendo ed inglobando oligoelementi che sono preziosi per l’organismo.

In Oriente questo fossile terapeutico conosciuto per le sue proprietà benefiche, è puro, ricco di sali minerali ben oltre 80, con prevalenza del ferro che gli dona il caratteristico colore arancio- rosa.  A differenza del comune sale da cucina non è raffinato cioè non è trattato chimicamente in alcun modo ma viene estratto, selezionato, lavato per togliere polvere ed eventuali residui, macinato e impacchettato.sale-rosa-proprietà-benefici

Tra i numerosi benefici ricordiamo:

  • limita il rischio di ritenzione idrica e di ipertensione, poiché il suo contenuto di cloruro di sodio è decisamente ridotto.
  • Promuove un miglioramento della capacità di assorbimento degli elementi nutritivi presenti nel cibo lungo l’intestino.
  • Aiuta la riduzione dei comuni segni di invecchiamento.
  • Facilita la circolazione e riduce i crampi muscolari
  • Un buon alleato delle ossa in particolare utilissimo per le donne in menopausa
  • Favorisce un sonno regolare

Come usarlo ?

In cucina: Il sale rosa  fine e sale rosa grosso è un ottimo condimento oltre ad essere un’ottima alternativa al comune sale da cucina cui siamo abituati, ma di certo meno dannoso perchè il cloruro assorbe acqua e quindi scatena una serie di problemi più o meno gravi, dalla formazione della cellulite fino all’ipertensione passando dai problemi renali; è ricco di iodio svolgendo un ruolo importante nel metabolismo, e pertanto controlla la funzionalità della tiroide. Grazie a questa importante proprietà, fa dimagrire senza rinunciare al gusto di numerose pietanze.

Usi alternativi:

Lavaggi e sciacqui idrosalini. Per il lavaggio del naso si usano gli appositi spruzzatori, irroratori nasali o ampolle nasali in vetro.

1)Per il lavaggio degli occhi si usano le apposite coppette in vetro. Questi articoli sanitari si acquistano in farmacia.

2) Usateli con una soluzione idrosalina all’1%, ottenuta diluendo 1 grammo di sale cristallino in 100 ml di acqua tiepida.usi-alternativi-sale-rosa

3) Uso: lavaggio delle cavità nasali e lavaggio oculare. Questa soluzione è anche adatta per fare gargarismi e sciacqui in caso di infiammazioni della mucosa della bocca e della gola.

In caso di raffreddore, asma e bronchite

1) Riempite una pentola larga con 1-2 litri d’acqua. Riscaldate l’acqua fino alla fuoriuscita del vapore.

2) Aggiungete all’acqua almeno 23 gr. di sale cristallino macinato fine o grosso. Quando il sale si sarà completamente sciolto, inalate il vapore caldo per 10-15 minuti coprendo il capo con un asciugamano grande.

3) In caso di otiti e dolori articolari: riscaldate in forno il cuscino alla temperatura di 50-60°.

4) Applicate il cuscino di sale caldo sulla parte dolente e lasciate agire per circa 20 minuti.

Come prepararlo per un bagno caldo: avrete bisogno di 1 kg di sale, non usate altri prodotti né saponi durante il bagno salino. Il bagno dovrebbe durare 15-30 minuti. Non risciacquate la pelle dopo il bagno.

Dove si compra?

Si compra nei negozi di prodotti naturali e nei principali negozi di prodotti biologici. Per sfruttare le principali proprietà benefiche e di purificazione consigliamo di scegliere sempre prodotti biologici perché privi di sostanze tossiche, di residui o trattamenti chimici che ne modificano la composizione organolettica e ne compromette i benefici. Il prezzo è davvero esiguo visto le sue innumerevoli proprietà.

Ricette e idee

Una delle ricette più semplici e di facile preparazione è quella delle patate in crosta di sale rosa dell’Himalaya. Preparate delle patate di media grandezza con la buccia, se è un prodotto biologico, e posizionatele su un foglio di carta da forno precedentemente cosparso con sale rosa e qualche goccia di acqua. Ricoprite poi le patate con sale rosa grosso (fossili terapeutici) e bagnate nuovamente con acqua. A questo punto basta chiudere la carta a fagotto e cuocere in forno alto per 30\40 minuti, a seconda della grandezza. Buona preparazione!

ricetta-patate-sale-rosa

Lascia un commento