Ritornati dalle vacanze, l’obiettivo è cambiare alimentazione e stile di vita. Come riuscirci?

Ebbene sì, siamo giunti a Settembre, mese di svolta, si ricomincia con gli impegni lavorativi, con la sveglia presto e con il desiderio di cambiare alimentazione dopo gli stravizi estivi. Spesso ci sono i buoni propositi ma finiamo per non metterli in pratica. Perchè è così difficile cambiare? Cambiare è difficile perché siamo affezionati alle nostre abitudini,  siamo in un’epoca in cui abbiamo a disposizione troppo cibo, oggi il cibo è completamente diverso da quello che abbiamo mangiato nella storia dell’umanità; è troppo concentrato, è troppo raffinato, con troppo sale, troppo zucchero. In più questo periodo di “benessere” ci ha portato a consumare troppa carne, troppo latte pensando che ci facesse bene. E allora cambiamo!

Possiamo superare la difficoltà di cambiare solo con la consapevolezza! E’ difficile guarire se non si ha la coscienza che la salute dipende da noi, che l’infelicità dipende da noi. E’ veramente difficile guarire se siamo arroganti. Anche un cibo sano difficilmente ci farà bene se non lo consumiamo con gratitudine e se non lo prepariamo con amore.

Quali sono le difficoltà più ricorrenti verso il cambiamento?

  1. La mancanza di motivazione. Il cambiamento avviene quando la persona è motivata a cambiare, è pronta. Non deve essere nè forzata nè spinta a farlo.prodotti-biologici-cornetti-grassi-idrogenati
  2. Le abitudini. Le abitudini ci agganciano, come quella del caffè o del cappuccino con la brioche al mattino.
  3. Il contesto familiare ed il contesto sociale. E’ importate trovare un’ambiente favorevole sia all’interno della famiglia che tra le nostre relazioni sociali. Il mondo va in direzione diversa, cambiare l’alimentazione verso un’alimentazione sana significa che non sai dove andare al ristorante.
  4. I famosi miti che non si vogliono sfatare. “Ho sentito che il cibo integrale gonfia la pancia”- “Se non bevo il caffè la mattina, non mi sveglio” -“Se tolgo il latte, il calcio dove lo prendo?” Queste difficoltà si risolvono con estrema facilità,  cioè con un cambiamento graduale. Bisogna abituare il corpo progressivamente, con dei cambiamenti graduali.

    Come fare per cambiare?

    Ecco alcuni semplici consigli.

  • Tornare in cucina
  • Cucinare il proprio cibo
  • Rispettare il proprio cibo
  • Ringraziare il proprio cibo
  • Amare il proprio cibo
  • Mantenere un’attitudine di compassionevole attenzione al nostro essere presi all’amo delle abitudini e del consumismo.
  • Vedere la vita come un maestro e non come un fardello
  • Interrompere il nostro lavoro e guardare il cielo. Un esercizio che ci consente di mantenere la nostra consapevolezza.prodotti-biologici-chi-lo-ha-detto-che-la-colazione-è-dolce

Concludiamo con una frase di San Francesco D’Assisi :

Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile

Buon cambiamento!!

 

 

Lascia un commento