Prodotti biologici- Cronodieta: mangiare guardando le lancette dell’orologio

Prodotti biologici– Cronodieta: occhi puntati all’orologio! Non basta mangiare determinati cibi, contare le calorie ingerite e dedicare un po’ di tempo allo sport per perdere un po’ di peso e tornare in forma: bisogna essere sincronizzati con i ritmi biologici e mangiare in base alle variazioni circadiane dell’organismo.  La cronodieta è stata sviluppata da due ricercatori italiani, Mauro Todisco e Paolo Marconi, nel 1992. È una dieta basata sui principi della cronobiologia, la scienza che studia, appunto, i ritmi biologici  i quali scandiscono la produzione di ormoni ed enzimi digestivi, regolando così il nostro metabolismo.

Esistono ormoni che favoriscono l’accumulo di grasso corporeo e la perdita di massa muscolare ed altri che favoriscono lo smaltimento del grasso corporeo e l’acquisto di massa muscolare.

Principali ormoni coinvolti nell’alimentazione:

    1. GH: ormone della crescita, lipolitico, anabolico. Antagonista dell’insulina. Favorisce la creazione di massa muscolare, stimola la lipolisi ed è prodotto soprattutto nelle ore serali e di notte
    2. Cortisolo: favorisce la perdita di massa muscolare negli arti inferiori e l’accumulo di grasso nella regione addominale è prodotto specialmente nelle prime ore del mattino (3-4) e quasi assente nelle prime ore serali (22-24)
    3. Insulina: favorisce la sintesi di glicogeno, proteine e grassi. Serve a regolare la quantità di glucosio presente nel sangue.
    4. Grelina: ormone che stimola l’appetito ( quella sensazione di vuoto nello stomaco quando abbiamo fame) che aumenta dieci volte la produzione dell’ ormone della crescita (GH)

Uno di quei detti popolari che racchiude  una saggia verità oltre che, secondo vari gruppi di ricerca, un notevole valore scientifico è “una colazione da re, un pranzo da principe ed una cena da povero”oppure “la colazione falla da solo, il pranzo condividilo con un amico, la cena regalala al nemico”. Infatti il proverbio spiega  saggiamente come il nostro organismo si comporta in relazione al momento della giornata che stiamo vivendo e come quest’ultimo è profondamente legato al sorgere della luce e della notte e come è perciò  più corretto alimentarsi sulla base dei momenti della giornata. Di notte produciamo, solo se abbiamo digiunato e quindi non c’è l’interferenza dell’insulina,  l’ormone della crescita (GH) che è implicato nella riparazione, rigenerazione delle cellule e nella detossificazione, se invece, ceniamo tutto questo non accade e si traduce con un amento di peso.

La mattina: siamo in fase catabolica, in cui bruciamo grassi, inoltre produciamo più lipasi, enzimi digestivi in grado di digerire questi macronutrienti. prodotti-biologici-colazioneLa colazione dovrebbe essere il pasto più abbondante della giornata e dovrebbe essere composta da una fonte di carboidrati a cui aggiungere una fonte proteica: cereali integrali biologici*, assicuratevi che siano prodotti biologici perché privi di pesticidi e sostanze tossiche, leggi l’articolo interfenti endocrini negli alimenti, o pane integrale biologico a lievitazione naturale, marmellata senza zucchero*, o miele biologico, accompagnati da frutta fresca biologica (anche secca come qualche noce o mandorla*, per l’apporto proteico); yogurt vegetale (di soia biologico).  Da bere ottimo il tè biologico * (verde specialmente), il caffè anche d’orzo biologico*, gli infusi e le spremute di frutta*, il latte vegetale biologico* (riso, avena, soya, mandorle, ecc.). , Al contrario se si predilige una colazione ricca in grassi come brioche, cornetto prodotti-biologici-cornetti-grassi-idrogenatio cappuccino è questo che succede:  la brioche contiene in prevalenza zucchero raffinato, farina bianca,  e grassi idrogenati. Il tutto causa un aumento vertiginoso della glicemia e come reazione una produzione massiccia di insulina. L’insulina abbassa gli zuccheri molto rapidamente (ipoglicemia reattiva) e quindi, dopo un paio d’ore, l’energia è già consumata. Si cerca allora altro zucchero, con il caffè e la merendina come spuntino, alimentando un vero e proprio circolo vizioso. Se si pensa di perdere peso, tralasciando la colazione, è un grosso errore; al contrario, è il modo migliore per ingrassare, a causa della mancata attivazione metabolica.

A pranzo: aumenta laprodotti-biologici-pranzoproduzione di proteasi e amilasi, è il momento giusto per introdurre proteine e carboidrati: cereali biologici, legumi biologici e verdure sia cotte che crude. Queste ultime è preferibile consumarle biologiche.

Il pomeriggio: l’insulina tende a salire, ecco il momento per inserire uno spuntino a base di cibi dolci (frutta o spremuta e cioccolata). Secondo la cronodieta i dolci andrebbero mangiati solamente il pomeriggio nel momento in cui sentiamo fame.

La sera: la produzione di enzimi digestivi è minima, inoltre tendiamo a rispondere ai carboidrati con un’eccessiva produzione d’insulina che favorisce l’accumulo di grassi e blocca la produzione di ormone della crescita e ormoni sessuali. Mangiare troppo non è consigliabile, orientiamoci su una cena leggera,anzi leggerissima, evitiamo l’interferenza dell’insulina, una tisana oppure sgranocchiare qualche finocchio.

La giornata nutrizionale organizzata in questo modo cioè secondo la biochimica e la fisiologia del nostro organismo, non permette di giungere a cena affamati, riacquisteremo di nuovo la forma fisica e saremo finalmente contenti di aver raggiunto l’obiettivo con una dieta!

*Disponibile sul nostro sito di prodotti biologici online