Gravidanza? Il pericolo è la carne non il tuo gatto!

Gravidanza? il pericolo è la carne non il tuo gatto! Quando è in arrivo un bebè inizia la crociata contro il gatto e qualsiasi animale domestico. Si informa subito il medico, il ginecologo e quasi sempre la risposta è:”Metta in pensione il suo gattino, il suo cane da sua zia, dai suoi genitori, da sua nonna,basti che lo porti via! Il gatto è un pericolo per la salute del suo bambino!!” E’ un allarmismo inutile nei confronti dei propri animali domenstici sopratutto quando si pianifica di allargare la famiglia. Leggendo l’articolo vedremo che il gatto c’entra davvero poco. Innanzitutto cos’è la toxoplasmosi, quali sono le vie di contagio e come si previene.prodotti-biologici-il-pericolo-è-la-carne-non-il-tuo-gatto

Che cos’è la Toxoplasmosi?
E’ una malattia infettiva trasmissibile all’uomo (zoonosi) causata da Toxoplasma gondii, un protozoo intestinale dei felini. Il microrganismo infetta moltissimi animali (dai mammiferi agli uccelli, dai rettili ai molluschi). Il gatto domestico e i felidi in generale sono ospiti definitivi, cioè ospiti in cui il protozoo compie la fase sessuata con la formazione di oocisti che verranno eliminate con le feci nell’ambiente esterno. Solo la prima volta che si infetta il gatto elimina le oocisti con le feci per 1o max 15 giorni, dopo di che acquisisce un’immunità specifica. Quando le feci sono eliminate, non sono infettanti, ma lo diventano in particolari condizioni: umidità, temperatura e disponibilità di ossigeno ( 2- 3 giorni a 24 °C, 15giorni a 15°C); dal momento che la lettiera viene pulita ogni giorno il rischio è davvero ridotto a zero.

Come si contrae?
Le feci di un gatto eliminatore contenenti le oocisti contaminano:prodotti-biologici-carne-toxoplasmosi

  • Ingestione di carne cruda o poco cotta di un altro ospite (pollo, montone, maiale,manzo);
  • Ingestione accidentale di oocisti presenti su frutta o verdura non lavata proveniente da terreni contaminati con feci di gatto
  • mosche che volando sul cibo lo contaminano (raro!!!)
  • chi pulendo la lettiera del gatto o lavorando in giardino a mani nude ingerisce accidentalmente le feci contenenti oocisti infettanti

Solo le feci infettanti possono rappresentare un pericolo, ma non il pelo!

Come si previene?

  • Cuocere bene la carne e non portare alla bocca le mani mentre si manipola carne cruda (la cottura al micronde non inattiva il microrganismo, invece è assicurata dalle corrette procedure di affumicatura, essiccamento e salagione utilizzate per la produzione di salumi). E’ opportuno il raggiungimento della temperatura, a core, di 67°C, oppure dopo congelamento a – 12° C.prodotti-biologici-lavare-frutta-verdura-toxoplasma
  • Non consumare insaccati freschi o poco stagionati;
  • Non bere latte crudo proveniente da realtà rurali poco controllate dove i gatti possano avere accesso ai locali di mungitura;
  • Lavare bene frutta e verdura prima del consumo;
  • Indossare i guanti durante il giardinaggio;
  • Non bere acqua di provenienza incerta;
  • Non mettere a contatto la carne cotta con la carne cruda o le verdure non lavate;
  • Lavare accuratamente piatti e stoviglie che sono stati a contatto con carne e verdure crude;
  • Ricordarsi che il gatto, anche se è infetto, non è pericoloso per la trasmissione della toxoplasmosi, ma lo diventano i suoi escrementi  in particolari condizioni, quindi vuotare la lettiera e disinfettarla ogni giorno utilizzando dei guanti di lattice o farla vuotare da altri;
  • Cercare di non far uscire il gatto per evitare che si cibi di topi e uccelli;
  • Alimentare il gatto soltanto con cibi secchi, non dargli carne cruda, prosciutto ed insaccati;
  • Non serve, a scopo preventivo, accertare se il gatto ha contratto la toxoplasmosi

Uno studio che ha coinvolto diversi centri in Europa, tra i quali anche due centri italiani (uno a Napoli e uno a Milano), pubblicato sul British Medical Journal nel 2000, indica tra le principali fonti di infezione nelle donne gravide il consumo di carne poco cotta.

Bisogna allontanare il proprio gatto in previsione di una gravidanza?

Come detto prima il gatto rappresenta il serbatoio naturale di Toxoplasma ma svolge un ruolo marginale  nella trasmissione diretta alla donna. Il gatto si infetta mangiando topi\uccelli o carne cruda infetta, oppure con le oocisti eliminate con le feci da altri gatti. Dopo l’infezione il gatto elimina le oocisti per 10 max 15 giorni e  una sola volta nella sua vita e in genere nel corso DEL PRIMO ANNO DI VITA. Le oocisti devono poi maturare per diventare infestanti. Evitare il gatto è una misura assolutamente non necessaria se si adottano le semplici precauzioni igieniche. Le donne che hanno già contratto l’infezione infatti possiedono gli anticorpi per proteggere se stesse e il feto da successive infezioni.
Infine, il CANE NON TRASMETTE LA TOXOPLASMOSI. Qualora un cane sia portatore, per contrarre la patologia sarebbe necessario mangiarne i muscoli crudi!!

Non abbandonate i vostri animali nel momento in cui decidete di avere un bambino. Se avete dubbi rivolgetevi al Vostro Medico Veterinario di fiducia.prodotti biologici-ciclo-toxoplasmosi